AIM Energy

Accertamenti della sicurezza post contatore

Procedura da seguire per le attivazioni/riattivazioni di fornitura dell’impianto di utilizzo del gas

La seguente procedura illustra come ottenere senza disguidi l’attivazione o la riattivazione della fornitura di gas, nel pieno rispetto dei criteri di sicurezza e nel più breve tempo possibile:

  1. Il Cliente deve affidare i lavori di realizzazione/modifica dell’impianto di utenza ad un’impresa regolarmente iscritta alla Camera di Commercio o all’Albo Provinciale delle Imprese Artigiane. Relativamente agli impianti effettuati nelle abitazioni ad uso civile, si ricorda che l’installatore deve avere l’abilitazione ad effettuare i lavori sugli impianti gas ai sensi del Decreto 37 del 2008.
  2. Installato l’impianto di utenza nuovo o effettuati i lavori di modifica, il Cliente richiede l’attivazione della fornitura esclusivamente al venditore (presentandosi agli sportelli di AIM Energy) con il quale intende stipulare il contratto di fornitura di gas per tale impianto;
  3. Il Venditore (AIM Energy) fornisce al Cliente finale i seguenti documenti:
    La lettera Allegato G/40 che riassumerà la presente procedura e due moduli, denominati Allegato H/40 e Allegato I/40, già precompilati nella sezione riservata al venditore: il Cliente dovrà compilare completamente e firmare il modulo Allegato H/40, nella sezione riservata al cliente finale. Con questo modulo, oltre a fornire i dati necessari ad individuare l’impianto da attivare o riattivare, si impegna a non utilizzare l’impianto, anche dopo aver ricevuto il gas, fino a che l’installatore non Le abbia rilasciato la “dichiarazione di conformità”, prevista dal decreto 22 gennaio 2008, n. 37. Attenzione: si dovrà utilizzare esclusivamente il modulo Allegato H/40 fornito unitamente.
  4. Il modulo Allegato I/40 dovrà essere consegnato all’installatore, che lo restituirà compilato e con apposti timbro e firma. L’installatore dovrà anche consegnare al cliente la documentazione richiesta dallo stesso Allegato I/40, corrispondente agli “allegati obbligatori alla dichiarazione di conformità”,
  5. il cliente dovrà trasmettere i moduli Allegato H/40 e Allegato I/40, con la documentazione rilasciata dall’installatore, al recapito indicato sul modulo Allegato H/40, nel più breve tempo possibile, dato che l’Azienda distributrice avvierà la pratica di attivazione/riattivazione della fornitura solo dopo aver ricevuto tale documentazione.
  6. La documentazione sarà sottoposta ad accertamento dall’Azienda distributrice per verificare se l’impianto a cui attivare o riattivare la fornitura di gas è stato realizzato nel rispetto delle norme di sicurezza; in caso di esito positivo sarà attivata o riattivata la fornitura, mentre in caso di esito negativo l’impresa distributrice non potrà provvedere all’attivazione della fornitura e si dovrà presentare una nuova richiesta, dopo che l’installatore avrà provveduto ad eliminare tutte le non conformità riscontrate e indicate in una apposita comunicazione che verrà inviata al cliente dall'impresa distributrice; in entrambi i casi il venditore potrà addebitare in funzione della portata termica complessiva espressa in kW (Q) dell’ impianto di utenza i seguenti importi massimi:
    • € 47,00 Q ≤ 35 kW
    • € 60,00 35 kW < Q ≤ 350 kW
    • € 70,00 Q > 350 kW

Ricordiamo infine che nel caso l’ impianto sia sottoposto a successive verifiche da parte di tecnici del Comune o loro incaricati, il cliente dovrà esibire copia della dichiarazione di conformità e dei relativi allegati obbligatori, ragion per cui è consigliato conservare con cura tale documentazione.