Il nostro servizio di teleriscaldamento

Il progetto del teleriscaldamento di Vicenza nasce negli anni ’80 quando, grazie al finanziamento della Comunità Europea, la società Saipem S.p.A. per conto dell’operatore AGIP, perfora il pozzo “Vicenza 1” nell’area di Viale Cricoli fino a circa 2.000 metri di profondità. Successivamente AIM accoglie la proposta della joint-venture AGIP-ENEL e tra il 1988 e il 1990 realizza la centrale di Teleriscaldamento di Viale Cricoli e un primo tratto di rete stradale allacciando i primi Clienti. Oggi la rete si estende per oltre 20 chilometri fornendo calore a edifici pubblici, scuole, strutture socio-sanitarie e residenziali private, per una volumetria riscaldata di oltre 2,5 milioni di metri cubi, consentendo un uso più razionale dell’energia e il massimo rispetto ambientale.

Per ulteriori informazioni visita la sezione del sito web di AIM S.p.A. dedicata al teleriscaldamento.

 

Modalità di funzionamento del sistema di teleriscaldamento

L’energia termica viene prodotta nella centrale di Viale Cricoli attraverso cogeneratori, caldaie a gas metano e il pozzo geotermico e nella centrale di via Monte Zebio tramite caldaie sempre alimentate a gas metano. L’acqua calda viene pompata all’interno di tubazioni interrate isolate termicamente poste lungo le vie cittadine e, mediante scambiatori di calore installati nelle centrali termiche dei Clienti allacciati, il calore viene ceduto all’impianto dell’Utente che lo utilizza per il riscaldamento invernale degli edifici e/o per la produzione di acqua igienico sanitaria per tutto il periodo dell’anno. L’acqua raffreddata ritorna quindi nelle centrali di produzione per essere nuovamente riscaldata.

I vantaggi del teleriscaldamento

Il teleriscaldamento consente di ridurre l’impatto ambientale normalmente prodotto dall’attività di riscaldamento degli immobili attraverso:

  • il controllo centralizzato delle emissioni di sostanze inquinanti (come l’anidride carbonica, gli ossidi di azoto, i monossidi di carbonio) direttamente nelle centrali di produzione con l’utilizzo di sistemi di monitoraggio dei fumi in continua;
  • l’utilizzo per produrre calore di risorse locali rinnovabili con basso impatto ambientale come la geotermia;
  • una generazione del calore energeticamente conveniente grazie all’utilizzo di impianti centralizzati più efficienti di quello che normalmente sono i singoli impianti domestici.

Oltre a ciò, il teleriscaldamento offre altri vantaggi quali:

  • un’elevata sicurezza di approvvigionamento in quanto il calore è sempre disponibile;
  • nessun controllo dei gas di scarico, nessuna pulizia delle caldaie e assenza di prescrizioni di sicurezza (relative ad esempio alla prevenzione incendi) in quanto la combustione non avviene più all’interno dell’abitazione o dell’edificio;
  • minori costi per gestione e manutenzione.